Il cuore in Africa
Associazione ONLUS per lo sviluppo di progetti umanitari

Notizie dal fronte

dicembre 26, 2008 13:05 by Emanuel

Dopo alcuni giorni di sosta forzata a Lisbona siamo giunti a Cumura praticamente all'alba del 22 dicembre.
Dopo poche ore di sonno i maschi si sono divisi in due squadre in modo da portare avanti il lavoro su più fronti: idraulici ed elettricisti all'asilo mentre i muratori si sono concentrati sulle rifiniture da apportare al lebbrosario.

Il caldo africano sta comunque mietendo vittime tra i nostri volorosi lavoratori: ormai si contano in una mano le defezioni a causa della febbre alta dovuta alle insolazioni. Ma non ci perdiamo d'animo perchè il lavoro da fare è comunque tantissimo e la gentilezza dei frati e delle suore ci spronano a "fare bene".  


Notizie sparse

ottobre 16, 2008 15:44 by Emanuel

In attesa di poterci incontrare tutti domenica 19 c.m. approfittiamo per rendervi partecipi di due cose:

  • Il fine settimana scorso una nutrita delegazione dell'associazione era presente a San Giovanni Ilarione con lo stand per la vendita dei prodotti del commercio equo e solidale per raccogliere fondi. A breve relazione dettagliata e contributi fotografici.
  • Il dr.Edoardo Pallaro, titolare della locale farmacia, ha donata una cospicua  quantità di medicinali generici da portare alla Missione di Cumura. Un sentito e caloroso grazie.

A cena con frate Memo

settembre 25, 2008 11:36 by Emanuel
Lunedì 22 settembre 2008 - Frate Memo incontra l'associazione Il cuore in Africa

 

Lunedì 22 settembre 2008 - Frate Memo incontra l'associazione Il cuore in Africa
Clicca sull'immagine per ingrandire


Prima di partire

luglio 16, 2008 18:03 by emanuel

Alcune informazioni fondamentali per chi volesse donare un po' del proprio tempo e spendere le proprie energie in favore di valido progetto umanitario.

L'associazione Il Cuore in Africa organizza un campo di lavoro in Guinea-Bissau.

Lo scopo della spedizione è dare man forte nei lavori di ristrutturazione del secondo padiglione del lebbrosario di Cumura.

La spedizione, composta da un gruppo misto sia per genere che età, dovrebbe partire il 19 dicembre 2008 e ritornare il 6 gennaio 2009, il condizionale è d'obbligo perché le date sono da confermare.
I volontari saranno ospitati nella Casa di Accoglienza, una struttura autonoma composta da una decina di stanze, all'interno della missione francescana.
Si potrà contare sulla presenza di derrate alimentari italiane spedite in precedenza via container. Il container che conterrà anche materiale edile utile per la ristrutturazione partirà il prossimo settembre da Monselice (PD).

Necessario un documento valido per l'espatrio (passaporto). Per quelli che devono rinnovarlo o farlo ex novo il termine ultimo è il 5 ottobre.

Le vaccinazioni raccomandate sono contro le cosiddette malattie tropicali: Febbre gialla, Epatite A e B, Meningite da meningococco, Tifo, Tetano e Malaria.
I residenti nei pressi di Verona ci si possono rivolgere all'

UFFICIO MALATTIE INFETTIVE E VACCINAZIONI INTERNAZIONALI - ULSS 20
Via Salvo d'Acquisto n.7
37122 Verona

Tel: 045 8075942
E-mail: sisp.malattie.infettive@ulss20.verona.it

Il costo del biglietto aereo è a proprio carico.

Nel tempo libero saranno organizzate escursioni nei villaggi vicini a Cumura, le visite saranno guidate da p. Piergianni.

Per chi volesse cimentarsi nell'apprendimento della nuova lingua in rete si trovano alcune guide entry level, come quella redatta da Daniela Gelso, che introducono all'uso della lingua criòla, mezzo di comunicazione per eccellenza in Guinea.


Facciamo il punto sul progetto "Una strada per Pèfine"

maggio 31, 2008 10:50 by Admin

P.Piergianni scrive per illustrare lo stato dei lavori del  progetto  Una strada per Pèfine.

Carissimi Amici di “Il cuore in Africa”,
                                Pace e Bene a tutti.
    Non sempre è facile comunicare, ma il pensiero è sempre li con Voi, col vostro entusiasmo, unendo i miei sacrifici ai Vostri per aiutare i nostri fratelli di Guiné-Bissau.
Frate Memo mi ha supplito molte volte quando non riuscivo a mettermi in contato con Voi.
    Avevo già tentato di dare un primo resoconto, ancora incompleto della Strada di Pefine, ma a quanto pare il messaggio non vi è mai giunto. Pazienza!
    Il lavoro si è svolto nei giorni: 2 maggio, nel pomeriggio con il camion della missione di Cumura, il 3 maggio con il camion della missione più 3 camion noleggiati, ma molto cari, il 5, 6 e 7 maggio con il camion della missione; un totale di 80 camion di materiale.
    Si sono chiuse solo le buche o i laghi più pericolosi, ma molto rimane ancora da fare in seguito, perché l’aiuto era solo per le emergenze e non per un lavoro completo.
Per il materiale sono stati spesi 1.504 € con una media di 18,8 € per camion.
Per il trasporto del materiale sono stati spesi 725 € circa per i tre camion noleggiati il giorno 3 maggio, mentre per il servizio del camion e del trattore della missione dovrò rifondere alla Missione l’equivalente del consumo del Gasolio e della paga del camionista e del suo aiutante, (il mio lavoro = trattorista, è gratuito).
Come vedete abbiamo passato un po’ quello che era il primo progetto de “ilcuoreinafrica”, ma voi ben sapete che moltissimi di Montecchia mi hanno aiutato in più modi, per cui non dovete preoccuparvi, ma lodare assieme il Buon Dio per quello che assieme siamo riusciti a fare per questa gente.
Penso che dalle foto mandate da Frate Memo vi siate resi conto che la popolazione ha preso a serio il lavoro e vi ha partecipato con vera passione. La popolazione ha pure partecipato con una tassa a livello famigliare che è servita soprattutto per sostenere le spese dell’alimentazione dei lavoratori. Purtroppo ho potuto fare solo poche foto, perché ero assorbito da molti altri lavori, fuori Cumura e Pefine, come a Brá e a Quinzana nella zona di Biombo, nella costruzione della nuova casa delle Suore delle piccole figlie di S. Giuseppe.
A nome di tutti: missione di Cumura e popolazione di Pefine, ringrazio ciascuno di Voi, “ilcuoreinafrica” e tutti i simpatizzanti, per quello che avete fatto. Siete stati Grandi!
Che il Signore che vede nel più intimo dei cuori Benedica ciascuno di Voi e tutti i Vostri cari.
Vostro fratello missionario in Guiné-Bissau,
                                              P. Piergianni Buratti, ofm.


Cumura: 30 di maggio del 2008

 


Una giornata intensa di allegria e impegno

maggio 8, 2008 18:00 by Emanuel
25 aprile 2008: FESTA DI S.MARCO IN VIA DAL CERO

Tutta la contrada del Grumolo, in collaborazione con l’associazione “il cuore in Africa”, ha vissuto una giornata intensa di allegria e impegno per la 63° festa di San Marco.

Momenti di preghiera, giochi per grandi e bambini, ballo e lotteria con ricchi premi, sfilata di moto d’epoca… e un efficiente servizio di cucina curato dagli Alpini (più di 300 pasti!)… e poi una meravigliosa mostra di foto d’altri tempi per ricordare la storia delle famiglie della contrada!...

Il programma intenso e il clima di cordialità hanno caratterizzato questa bella giornata di primavera (malgrado un piccolo scroscio di pioggia!) che ha visto la partecipazione di moltissima gente.

Davvero in tanti hanno unito le loro forze per la riuscita della festa e il ricavato (3.121 €) verrà devoluto per il restauro di un padiglione del lebbrosario di Cumura (in Guinea Bissau) nella missione di P. Piergianni Buratti.

L’associazione “il cuore in Africa” ringrazia vivamente tutte le famiglie del Grumolo, gli Alpini e quanti hanno dato il loro prezioso contributo. 

63° festa di San Marco

aprile 20, 2008 16:48 by Emanuel

25 Aprile 2008

Contrada Grumolo di Montecchia di Crosara
in collaborazione con l'associazione Il Cuore in Africa

PROGRAMMA:

8:00 Santa Messa al Capitello
- Seguirà rinfresco per tutti -
10:00 Partita di calcio scapoli vs ammogliati
16.00 Ritrovo ed esposizione moto d'epoca
- Con bicchierata in compagnia -
17:30 Rosario al Capitello
18:00 Giochi per bambini
19:00 Cena con gli Alpini
21:00 Ballo liscio
22:00 Estrazione sottoscrizione a premi

Durante tutta la festa sara possibile visitare una mostra fotografica allestita con le immagini storiche della contrada.

Tutto il ricavato della manifestazione sarà devoluto in beneficenza a P.Piergianni Buratti per la ristrutturazione del secondo padiglione del lebbrosario di Cumura in Guinea Bissau.


Cartoline da Cumura

marzo 10, 2008 12:16 by Admin

Scrive frate Memo per ringrazziare dell'offerta ricevuta in occasione della [W:Giornata mondiale dei malati di lebbra]. Alla mail allega alcune foto del lebbrosario Ospedale do Mal de Hansen e della scuola materna di Cumura.

Il lebbrosario #1 Il lebbrosario #2 Il lebbrosario #3 La scuola materna

Aggiornamento del 25 Marzo: Gli aguri di Frate Memo e Padre Piergianni per la Pasqua 2008 (file PDF - 293,01 kb)


La parrocchia informa

febbraio 12, 2008 10:36 by Emanuel

Ristrutturazione del lebbrosario di CumuraRistrutturazione del lebbrosario di Cumura

In occasione della [W:Giornata mondiale dei malati di lebbra] nella parrocchia di Montecchia di Crosara sono state raccolte offerte per 700 €. La somma è già stata spedita all’Ospedale do Mal de Hansen, il lebbrosario di Cumura nella missione di Padre Piergianni.


Notizie da Cumura

gennaio 27, 2008 09:22 by emanuel

Oggi, domenica 27 gennaio 2008, si celebra la 55a [W:Giornata mondiale dei malati di lebbra]. L'iniziativa in Italia è promossa dall' AIFO - [W:Associazione Italiana Amici di Raoul Follereau] che quest'anno come claim propone Lebbra: una malattia dimenticata.

Il lebbrosario di Cumura è il centro della missione dei frati Minori della provincia veneta in Guinea-Bissau, è fondamentale per questo dare spazio a quello che ci scrive frate Memo

Nel 2007 abbiamo trovato il coraggio, la disponibilità e tanti aiuti per affrontare il duro lavoro di ricerca degli ammalati di lebbra in tutto il territorio della Guinea Bissau e per le cure a vari livelli nell’Ospedale do Mal de Hansen e in ambulatorio.
Abbiamo scoperto 64 nuovi ammalati, di cui 31 nella forma iniziale.
Questi, con la dovuta cura di 6 mesi vanno verso la guarigione completa.
33 ammalati, nella forma più avanzata esigono 12 mesi di Polichimioterapia, seguita da tante altre cure per minimizzare le sequele mutilanti. Di questi, 22 hanno bisogno di essere seguiti per più anni con la speranza di ridurre, in parte, le deformità alle mani e ai piedi. Purtroppo 11 lebbrosi sono stati diagnosticati con gravi e irreversibili deformità alle mani, piedi e alcuni anche agli occhi.
La Missione segue, inoltre senza scadenza, altre centinaia di ammalati, con cure, assistenza alimentare ed altro.

Il testo integrale della lettara è disponibile in formato pdf (77,97 kb).


 

BCC